eventiinbus2017

[The Sun] Intervista alla band

Le nostre canzoni portano sfortuna a X Factor
di GORDON SMART, Salt Lake City

C'è un enorme svantaggio nell'essere una rock ’n’ roll band di successo planetario – ci si perde la trasmissione X Factor.

I Coldplay sono stati in tour negli USA nell'ultimo periodo, perdendosi il tragico televoto e i bisticci in diretta del seguitissimo talent show.

Prima che io possa fare la prima domanda nel camerino della band a Salt Lake City in Utah, sabato sera, il frontman Chris Martin ha insistito per essere aggiornato sulla trasmissione.

Chris: “Non abbiamo potuto guadare X Factor per circa 10 settimane. Laura è ancora dentro? Quella ragazza carina di Manchester (In realtà è di Bolton)? Era la nostra preferita. Dovrebbe vincere.” La brutta notizia della sua uscita avvenuta poche settimane fa, intristisce subito Chris.

Chris ha aggiunto: “Se lei non c'è più, non guarderò più il programma. Ho sentito che recentemente hanno fatto una cover di Yellow. É il segno che ce l'hai fatta davvero quando fanno cover delle tue canzoni in X Factor. Significa che sei all'apice del successo.

“Ogni volta che qualcuno canta una cover delle nostre canzoni, viene subito eliminato. Forse siamo un po' i portaiella di X Factor.”

La band — Chris, Guy Berryman, Will Champion e Jonny Buckland — può comunque essere scusata riguardo al fatto di non essersi aggiornata sulle vicende televisive una volta tornata a casa.

Hanno fatto 70 concerti negli ultimi mesi durante il 'teatrino' giornaliero delle elezioni americane.

Gli eventi degli ultimi tempi hanno avuto un grande impatto sulla band, specialmente il giorno delle elezioni, quando loro si trovavano proprio a New York.

Chris, 31 anni, ha dichiarato: “L'intera storia della vittoria di Barack Obama è la cosa più bella capitata negli ultimi tempi.

“È un momento difficile per tutti ma c'è un forte sentimento di ottimismo in America”.

“È stato davvero fantastico essere lì in quel momento. Il sentimento generale era quello che qualsiasi cosa era possibile. Le idee di Obama sono grandi.”

Le personalità coinvolte hanno colpito molto Chris, in particolare il candidato repubblicano alla vice-presidenza perdente Sarah Palin.

Ha scherzato: “La situazione della Palin mi ha sconvolto. É un dilemma morale quando ti sta simpatico qualcuno ma non ti trovi d'accordo con qualsiasi cosa dica. Voglio baciarti o scappare? Non provavo questa sensazione dai tempi della scuola.

“Tutte le ragazze avevano qualcosa di così incredibile. In effetti, sarei davvero andato a letto con Ann Widdecombe. Ritiro ciò che ho detto, anche quando è dappertutto sul web.”

Guy, bassista e rubacuori della band, scherza: “Io non direi di no a Sarah Palin.”

 

Divertente

I Coldplay sono orgogliosi di essere coinvolti riguardo al problema del surriscaldamento globale.

Hanno avuto un ruolo centrale nel Live 8 del 2005 e Chris ha promosso la campagna di Oxfam e altre raccolte fondi a favore dell'infanzia.

Tutti e quattro i membri della band sono genitori di bambini e sono venuti a conoscenza dell'orrore della storia di Baby P ( un bambino inglese di 17 mesi morto in agosto a causa di abusi da parte del compagno della madre, n.d.r) quando si trovavano in America.

Guy, 30 anni, che ha una figlia di 2, ha detto: “Uno dei peggiori crimini che si possono commettere è abusare di un bambino. É davvero deprimente. Non posso credere che esistano persone in grado di commettere queste violenze.

“Non so cosa gli sia potuto succedere per arrivare a fare una cosa del genere. Non è concepibile.” Un'altra storia che li ha scossi mentre si trovavano in America è stata quella dello scandalo “Manuelgate” in seguito ad uno scherzo telefonico della BBC (Jonathan Ross e Russell Brand, due intrattenitori della BBC, hanno chiamato più volte via telefono il noto attore settantottenne Andrew Sachs, ripetendo battute ben più che volgari. Le battutacce sono rimaste registrate sulla segreteria telefonica della nipote Georgina Baillie, ballerina gotica, n.d.r.)

Chris ha detto: “La situazione di Russell Brand e Jonathan Ross, ha fatto il giro del mondo. Jonathan Ross è divertente e credo che tornerà a lavorare.

“Dunque, se qualcuno mi telefonasse e mi dicesse che hanno fatto questo a mia nipote, sarei furioso.”

Dal lancio del loro album primo in classifica Viva La Vida, ho stuzzicato i Coldplay riguardo al loro abbigliamento, suggerendo che dovrebbero puzzare davvero tanto dal momento che indossano sempre queste giacche da rivoluzionari francesi — ma Chris ribatte.

Dichiara: “Ci prendi in giro per il nostro abbigliamento, ma Russell Brand ha indossato gli stessi abiti per 10 anni. La verità è che noi ne abbiamo tanti, e sono puliti.

“Abbiamo un nuovo look da svelare dopo Natale comunque. Stiamo puntando allo stile Manuel. Che si ispira molto allo stile cameriere spagnolo.”

La band torna in patria venerdì per iniziare la tourné inglese del tour.

Si stanno agitando all’idea di salire sul palco per offrire al pubblico il loro fantastico concerto.

Chris dice: “Mi sento come se avessimo dovuto lasciare l’Inghilterra per un po’ in modo che le persone ci volessero di nuovo. Il fatto di tornare mi innervosisce.”

 

Vapore

Will, 30 anni, aggiunge: “Siamo impazienti. Sembra di essere stati via per così tanto tempo. Abbiamo preso un bel ritmo ora e i concerti vanno davvero ‘a tutto vapore’.

Quello che emerge è la loro preoccupazione riguardo a quanto la crisi finanziaria stia colpendo anche il Regno Unito. Il patrimonio della band ammonta a circa 10 milioni di sterline per ciascuno, ma dato che passano il tempo nel loro 'circolo ristretto', di certo non sono una cometa.

Chris indossa un paio di stivali Hi-Tec davvero orribili - qualcosa che avrebbe potuto indossare vostro padre per fare del giardinaggio — e Jonny sembra felicissimo quando indossa il suo completo da calcio.

Sono incredibilmente generosi e si preoccupano dei loro cari. Hanno anche creato un fondo al quale tutti loro possono contribuire per eventuali progetti futuri di beneficenza.

La band si è preoccupata a riguardo del costo dei biglietti per gli imponenti concerti del prossimo anno allo stadio di Londra, al parco di Hampden di Glasgow e al campo di cricket Old Trafford di Lancashire.

Chris ha rivelato: “Ho incontrato un DJ l’altra notte che ci ha aiutato quando eravamo agli inizi. Ha perso il lavoro a causa della recessione. Tocca davvero tutti.

“Spero che i prezzi dei nostri biglietti siano equi. Vogliamo che tutti abbiano la possibilità di venire. Sono circa 50 sterline per vedere il Tottenham (squadra di calcio, nd.r.), così ho calcolato che 45 e 55 sterline per i nostri concerti sarebbero un buon prezzo.”

Chris è stato davvero gentile a lasciare che i lettori del Sun potessero essere informati sul fatto che le voci riguardo al possibile scioglimento della band siano assolutamente infondate.

“Essere in una band è come essere un giocatore di calcio. Abbiamo un limite di età. È piacevole essere una band di mezz’età ma bisogna anche impegnarsi tanto.

“Quando i Rolling Stones avevano la nostra stessa età, avevano già pubblicato 15 album. Prima di arrivare ai 33 anni, devi almeno aver pubblicato 5 album. Non vogliamo stare seduti senza far nulla a bere.

“Questo è il nostro momento. E capita solo una volta nella vita. Ci sono tante cose che vorremmo fare.

“Arriveremo al punto in cui saremo tutti calvi e non saremo più in grado di apparire in pubblico. Quando Guy perderà il suo fascino, allora molleremo tutto.”

Il modo di lavorare del gruppo è davvero impressionante. Hanno pubblicato il loro Prospekt’s March EP questa settimana e il prossimo anno stanno progettando di registrare un nuovo album, proseguire il tour in Giappone ed Australia ed esibirsi anche negli stadi del Regno Unito.

Will dice: “Abbiamo un tempo di conservazione limitato così dobbiamo approfittare al massimo di questo periodo favorevole, mentre siamo ancora contenti, entusiasti e capaci di farlo.”

Ho chiesto a Chris come gli piacerebbe essere ricordato.

Lui risponde: “Quale sarà l’eredità dei Coldplay? Mi piacerebbe tanto arrivare ad essere al Madame Tussauds ma non succederà mai. Non credo che saremo ricordati. Qualcun altro arriverà dopo di noi e questo è quello che rende speciale la musica. È sempre in evoluzione.

“Forse faranno delle cover delle nostre canzoni sulle navi P&O (che attraversano la Manica, n.d.r.) con un tipo che suona il piano e la moglie che canta.”

Ma Jonny, 31 anni, è quello che rende meglio l’idea: “Il sogno definitivo per me sarebbe avere una cover dei Coldplay fatta con uno zuffolo.”

http://www.thesun.co.uk/sol/homepage/showbiz/bizarre/article1971294.ece

amsterdam

Ideatore e sviluppatore di Coldplayzone, Gabriele è un webdesigner milanese emigrato in Sicilia nel 2004 (per scelta di vita), il quale sente il desiderio di creare un 'posto' online [ zone ] da condividere con tutti gli appassionati di musica, in particolare quella dei Coldplay. Grande appassionato di musica inglese e di tutto ciò che si possa definire 'British'.