eventiinbus2017

( Phil Harvey )

phil harvey

Philip Christopher Hammond Harvey (29 Agosto 1976) è il primissimo manager dei Coldplay. Al momento, riveste il ruolo di 'direttore creativo' ed è considerato dalla band come il quinto membro effettivo, descritto a tutti gli effetti dal quartetto come 'quel saggio, carino e al contempo spaventoso individuo che ci dice cosa fare'.

Phil ha frequentato la Sherborne School, nel Dorset, dal 1990 al 1995 insieme a Chris Martin, divenendo il secondo miglior alunno del suo gruppo e il miglior amico dello stesso Chris. Ha poi proseguito gli studi all'università di Oxford, seguendo il corso di studi classici.

La vita di Phil si intreccia con quella dei Coldplay nel 1998, quando la band è alla disperata ricerca di qualcuno che potesse riuscire a procurar loro una data a Camden. E' lì che Phil si fa carico di organizzare un evento al Dingwalls, ed è sempre lì che lo stesso Phil riesce a smerciare le prime cinquanta copie dell'ep Safety, finanziato da sé stesso, dalla madre che già intravedeva, come lui, le enormi potenzialità di Chris) e dal suo compagno di stanza ad Oxford. E' in questo momento che Phil diventa, seppur senza nessuna investitura ufficiale, il manager dei Coldplay. Viste le fortune degli esordi del quartetto, Phil lascia l'università e si dedica completamente ai Coldplay, con i quali collabora fino agli inizi del 2001. Il rapporto fra Harvey e la band si interrompe però bruscamente poiché lo stress che inevitabilmente il ruolo di un manager comporta lo fa cadere in uno stato di profonda depressione. 'Mi sentivo come morire quando in realtà sarei dovuto essere in cima al mondo' – ha confessato Phil in un'intervista. 'La band aveva appena conquistato l'award di Best British Band ai Brits del 2001 e l'unica cosa che riuscivo a pensare era a quanto tempo volevo restare nel letto a riposare. Due giorni dopo il mio medico mi telefonò per dirmi che era preoccupato perchè stavo per sprofondare in un coma vero e proprio'. Dopo un periodo di distacco dalla band, iniziato nel 2002 e trascorso principalmente in Argentina e a studiare Psicologia in Australia, Phil dal 2006 è tornato a far parte integrante del gruppo ed è ora il fulcro della produzione creativa della band. E' ufficialmente il quinto membro dei Coldplay, così come dichiarato a più riprese dallo stesso Chris Martin e, successivamente, sulla pagina MySpace ufficiale del gruppo e poi su Coldplay.com e ancora sulla pagina Facebook ufficiale. E' nei credits ufficiali come 'suggeritore di idee' per gli album A Rush Of Blood To The Head (a proposito, è sua l'invenzione del titolo 'Politik'), Viva La Vida Or Death And All His Friends e Mylo Xyloto, in qualità di produttore per la registrazione del brano Ode To Deodorant (era suo il numero di telefono impresso sulla musicassetta del lancio del brano), come esperto di 'visual' per Mylo Xyloto e il dvd Live 2012 e come manager per Safety EP, Brothers & Sisters EP, The Blue Room EP e Parachutes (per tale ruolo, lascerà poi il timone a Dave Holmes). Aveva poi pianificato la creazione di un film animato per Mylo Xyloto (sulla scorta di quanto accaduto per 'The Wall' dei Pink Floyd), ma il progetto è tramontato.

Ha preso parte a tre video della band: nel clip di Life In Technicolor ii impersonava un cameraman improvvisato; nel video di Christmas Lights è uno dei tre Elvis; nel video di Paradise veste i panni di uno dei due impiegati dello zoo che rincorrono l'elefante fuggito via.

Attualmente, si occupa di individuare i migliori registi per i progetti creativi dei video e di rendere reali le idee alla base della creazione dei video stessi. L'amicizia che lega Phil ai Coldplay è molto, molto profonda e mutuata da grandissimo rispetto umano e professionale.

Phil Harvey ha a cuore tutte le problematiche che la band si trova ad affrontare e ora, dopo il periodo 'buio', riesce a gestire situazioni complesse per le quali ha imparato a gestire lo stress, senza dimenticare però quello che ha dovuto affrontare in passato. Proprio per questo, Phil è un volontario di Upbeat, una comunità portata avanti con un progetto di salute mentale, con sede a Camden, che si prefigge di aiutare i musicisti che hanno difficoltà a livello di apprendimento e di gestione dello stress attraverso lezioni mirate, workshops condivisione di spazi e strumenti nei quali fa da promotore, produttore ed esecutore dei programmi e del lavoro previsti dai piani di recupero.