Loading…
  • Chris Martin
eventiinbus2017

Chris Martin

Chris Martin (al secolo Christopher Anthony John Martin) nasce il 2 marzo 1977 a Exeter, nel Devon, e proviene da una famiglia numerosa, che conta ben sette elementi: mamma Alison (un’insegnante), papà Anthony (un contabile), lui e i suoi quattro fratelli minori.

Educato, studioso e senza troppi grilli per la testa, Chris è il tipico 'bravo ragazzo': frequenta la Public Sherborne School (una famosa scuola privata di Sherborne, cittadina del Dorset) e in seguito la University College di Londra dove, dopo aver studiato storia antica, si laurea in latino e greco e dove incontrerà gli altri tre futuri membri dei Coldplay. Sin da piccolo mostra particolari attitudini musicali e inizia a strimpellare canzonette al pianoforte a soli cinque anni, mentre ad appena undici anni fonda con James, il suo migliore amico, la prima band. Al liceo è la volta dei Rocking Honkies, un gruppo rivolto al soul e al rhythm'n'blues, in cui Chris suona la chitarra. Da lì a poco incontrerà Phil Harvey (che in seguito diverrà il suo manager), con cui suonerà per un po’ di tempo.

Tra i musicisti, che influenzeranno profondamente lo stile del leader dei Coldplay, figurano nomi come Tom Waits, Bob Dylan, Neil Young, Leonard Cohen e Flaming Lips (anche se, stando alle affermazioni di Chris Martin, il primo album acquistato è stato Thriller, o forse Bad, di Michael Jackson). Ma il gruppo musicale che più profondamente inciderà nella determinazione dello stile canoro, dei gusti e delle preferenze musicali sono gli A-Ha, formazione norvegese in voga negli anni '80. A tal proposito Chris ha dichiarato: 'Ci chiedono tutti chi abbia ispirato i Coldplay, da chi abbiamo attinto, chi ascoltavamo nei periodi della nostra infanzia ed adolescenza. Sono queste le domande che ti ricordano quello che eri, ciò che hai fatto in passato e tutto quello che ha avuto un impatto su di te. La prima band che ho amato sono stati gli A-Ha...a 12 anni, 'Hunting High And Low' era sempre nella mia testa, e gli A-Ha continuano ad essere importanti per me... nel 2005 ero ad Amsterdam e avevo voglia di ascoltare l'album 'Hunting High And Low', così l'ho messo su. Mi ricordavo che era un album straordinario, di pregievole fattura, e da quel momento in poi lo amo più di prima'. La canzone in questione è ancora talmente 'ossessiva' per il leader dei Coldplay che, durante un concerto, ha proposto al piano una sua reinterpretazione, precisando che 'Quando non hai più canzoni tue proprie da suonare durante un concerto, devi buttarti sui brani che ascoltavi da bambino. La band che io e gli altri del gruppo abbiamo ascoltato tanto quando eravamo ragazzini è quella degli A-Ha dalla Norvegia. Non abbiamo timore a dire e confessare apertamente che li amiamo. Questo è un tributo agli A-Ha'. Martin, inoltre, ha assunto il suo inconfondibile patchwork vocale studiando a fondo la voce di Morten Harket, leader del gruppo norvegese: 'Riesce ad articolare la sua voce per molteplici usi. E' l'uomo con il sex-appeal più disarmante che ognuno possa incontrare'.

The Bends dei Radiohead, invece, è il disco che simbolizza una svolta nella vita di Chris: 'Non ho esitazioni nel dire che mi ha completamente cambiato l’esistenza. Grazie a Thom Yorke, ho smesso di considerarmi un nerd. Come lui, io sono nato in una famiglia borghese, ho ricevuto una buona educazione, ho studiato il pianoforte, sono cresciuto in un benessere che mi ha per molto tempo impedito di pensare di far parte di un gruppo. Per me il rock era legato a una questione di provenienza sociale, ero ingenuo e complessato al punto da credere a questo genere di cose. Thom Yorke mi ha consentito di liberarmi e in seguito mi sono reso conto che ne' i Clash ne' gli Stones erano proletari'.

Chris Martin, frontman gentile e tormentato ma nel contempo battagliero e perfezionista, incarna perfettamente l’anima dei Coldplay, elaborando spesso testi malinconici e pessimisti, che risolvono sempre in un finale colmo di speranze. Dal punto di vista vocale, il suo registro è tenorile, ma usa spesso il falsetto, con risultati davvero sorprendenti.

Chris Martin è da tempo un attivissimo promotore della causa umanitaria portata avanti da Make Trade Fair e Oxfam.