eventiinbus2017

[Coldplay.com] Intervista a Jonny (#2)

Ciao Jonny, che stai facendo di bello?
Sono in studio.

La Bakery?
Si. Ci veniamo quasi sempre, ma questa è la prima volta che siamo tornati per lavorare un po' con Brian.

Mr Eno?
Si. E' stato divertente l'altra volta, così gli abbiamo chiesto se gli sarebbe piaciuto farlo di nuovo per un altro po'. Stiamo solo sperimentando delle idee al momento.

Con l'intento di fare cosa?
Solo di avere delle idee! Abbiamo pensato che sarebbe stata una cosa bella e interessante da fare.

C'entra qualcosa l'ipnotismo?
No, niente ipnotismo stavolta. Stiamo usando delle strategie un po' meno oblique stavolta, ma sono comunque strategie.

Puoi rivelarne qualcuna?
No, davvero. Stiamo provando un sacco di cose diverse per vedere dove ci portano.

E' bello farlo di nuovo dopo tutti i concerti dell'anno scorso?
Si, è rinfrescante. Dopo aver suonato per un po' il senso di creatività finisce, quindi è un bene fare delle cose nuove. Stiamo cercando di fare cose mai fatte prima, da noi o altri.

Pensi che il tuo lavoro sia composto per il 50% dal lavoro in studio e per il 50% dal tour?
Direi che il mio lavoro è andare in tour e il mio hobby lavorare in studio. Mi piace la parte del tour in cui si suona. Stare in tour è grandioso se fatto a piccole dosi. Ma se è per più di dieci settimane di fila, può risultare difficile.

Dunque, il 2008 è andato piuttosto bene per i Coldplay.
In realtà non è che ci abbia pensato molto, ad essere sincero.

Beh, il vostro album è stato il più venduto al mondo l'anno scorso.
Davvero? E' incredibile.

E avete suonato concerti esauriti in giro per il mondo.
Si, è stato davvero un anno fantastico. Molto divertente. L'unica cosa non divertente è stato il periodo proprio prima dell'uscita dell'album. Ma il resto dell'anno è andato straordinariamente bene.

Qual è stato il miglior concerto dell'anno scorso?
Quello alla Brixton Academy. E' stato entusiasmante perchè abbiamo suonato il nuovo materiale. Anche quello gratis al Madison Square Garden è stato fantastico.

Qual è stato il peggior sbaglio che hai fatto sul palco nel 2008?
Oh ce ne sono stati così tanti! Lo strappo ai pantaloni mentre correvo dal C-stage è stata una cosa da far rizzare i capelli. E' successo in America, nel periodo del concerto a Dallas.

Ti sei goduto una bella pausa Natalizia?
Si, sono stato in Jamaica. E' stato molto bello.

La cosa che ha suscitato il maggior entusiasmo da Natale è il video di Life In Technicolor ii.
Senza dubbio. Credo sia il nostro miglior video. Adoro sempre i video in cui non sono partecipe. Non ho dovuto fare niente. E' stato un video da sogno. Credo che dovremmo farli tutti così.

Il pupazzo di Guy forse non ci assomiglia troppo.
Oh, credo che abbia una vaga somiglianza.

Ma Guy è un bell'uomo e questo pupazzo non lo è molto.
Beh, quanti pupazzi lo sono?

Come è venuta fuori l'idea del video?
Ad essere onesto non ne ho avuto molto a che fare. Phil, che ha una parte molto importante nel video, ha lavorato con il regista, che ha proposto un paio di idee. Questa era quella che più si addiceva alla canzone.

Cosa hai pensato del debutto di Phil come attore?
Ho pensato che fosse stato superbo. Mi è piaciuto in particolar modo il suo maglione.

Qual è la cosa per cui più non vedi l'ora quest'anno?
I concerti negli stadi, senza dubbio. E sarà bello andare in Australia - è da un bel po' di tempo che non ci torniamo.

State ripensando all'intero concerto per gli stadi?
Si, probabilmente. Credo che passeremo buona parte di Aprile a pensarci. Dobbiamo fare alcune cose in modo diverso, credo.

Andrai alla finale della Carling Cup a Wembley per fare delle ricerche?
Purtroppo no, dato che sarò in Australia. Sono un po' triste di perderla. Non posso credere che siamo [il Tottenham] in finale. Ho acceso la radio quando stavamo perdendo 3-0 contro il Burnley e mancavano solo cinque minuti di recupero alla fine. E' stata una stagione strana. Ma sono proprio contento che Jermain Defoe sia tornato.

Presumo che sia bello aver ricevuto così tante nomination ai Grammy e ai Brits.
E' meraviglioso. Non credo ne vinceremo nessuno, comunque. Mi piace andare a questi avvenimenti e pensare così.

E' ancora strano passare il tempo con un sacco di persone famose a queste premiazioni?
Lo è un po'. Ti trovi ancora nella situazione in cui pensi di conoscere le persone ma in realtà le hai viste solo in televisione. Ho avuto un momento terribilmente imbarazzante con qualcuno, di cui non dirò il nome, quando l'ho salutata e poi ho pensato tra me e me, "Oh no idiota, non la conosci, l'hai solo vista in TV!'

Dunque, c'è una sorta di scala temporale su quando potremmo sentire il nuovo materiale su cui state lavorando?
Non al momento. Non stiamo neanche registrando niente, suoniamo e basta. Abbiamo qualche canzone, ma stiamo veramente solo provando al momento.

Come stanno andando queste prove?
Davvero, davvero bene. Sentiamo che stiamo espandendo i nostri palati. E ci stiamo divertendo.

amsterdam

Ideatore e sviluppatore di Coldplayzone, Gabriele è un webdesigner milanese emigrato in Sicilia nel 2004 (per scelta di vita), il quale sente il desiderio di creare un 'posto' online [ zone ] da condividere con tutti gli appassionati di musica, in particolare quella dei Coldplay. Grande appassionato di musica inglese e di tutto ciò che si possa definire 'British'.