eventiinbus2017

[Coldplay.com] Intervista a Jon Hopkins

Dato che il collaboratore di Viva La Vida, Jon Hopkins sta per iniziare un altro giro di date come supporter dei Coldplay, abbiamo pensato che fosse il momento giusto per scoprire un po' più di informazioni su di lui...

Ciao Jon, come va?
Ciao, sto bene, anche se un po' sotto effetto jetlag. In questo momento sono a Miami, sono arrivato negli USA in tempo per il concerto per fare un po' da DJ al concerto di ieri sera ad Atlanta e domani sera ci sarà il primo concerto come supporter in Kansas.

Hai già suonato durante altre date in questo tour, ti sei divertito?
E' stato fantastico, credo di aver suonato 15 concerti con loro finora. I più surreali sono stati i primi tre che abbiamo fatto a Londra, Barcellona e New York. La sensazione di anticipazione ed eccitazione del pubblico era fantastico.

Che effetto fa suonare nelle gandi arene?
E' un po' difficile da spiegare. All'inizio era davvero snervante e quasi divertente. Poi è diventato piuttosto terrificante. Adesso mi diverto.

Ti sembra che ai fan dei Coldplay interessi la tua musica?
Si, mi sembra che gli sia piaciuta molto - non sapevo come avrebbero reagito a qualcosa di così diverso rispetto alla band che sono venuti a vedere ma sono stati davvero calorosi e ho avuto delle reazioni davvero fantastiche.

Hai lavorato con la band per Viva La Vida - come li hai incontrati?
Me li ha presentati Brian Eno, uno dei produttori dell'album. Mi ha invitato in studio per un giorno all'inizio del 2007 per vedere se potevo contribuire e alla fine sono rimasto finchè l'album non è stato finito alla fine di quell'anno.

E in che misura sei stato coinvolto nell'album?
Ho co-prodotto un paio di canzoni e ho suonato l'organo, l'armonium, e altri strumenti a tastiera in altre. Ho anche usato una delle mie nuove canzoni (chiamata Light Through The Veins, che pubblicherò a breve) in quello che alla fine è diventato l'intro di Life In Technicolor, e il sottofondo di The Escapist.

Hai lavorato con altre band allo stesso modo?
Non direi di aver avuto altre esperienze simili - ho prodotto alcuni artisti solisti, come King Creosote e Dan Arborise, e ho anche co-scritto alcune tracce con David Holmes, Brian Eno e i Massive Attack, ma compongo anche molte musiche per film e faccio remix che tende ad essere un lavoro più solitario. Quindi è stato bello lavorare con un gruppo di persone più ampio, e vedere come funzionano le cose in una band come la loro.

Com'era l'atmosfera in studio rispetto agli altri artisti con cui hai lavorato?
Forse più impegnativo ma anche molto divertente, e molto gratificante.

E' una bella sensazione sapere che la musica a cui hai lavorato e co-scritto ora è nelle case di milioni di persone in giro per il mondo?
Si molto bella, e sono orgoglioso del mio input per l'album. Una delle cose che mi è piaciuta di più è stato sentire per la prima volta alla radio l'intro di Violet Hill, che è nato da un'improvvisazione mia e di Davide Rossi (l'arrangiatore dei violini dell'album).

Potresti parlarci un po' di più della musica?
E' fatta con strumenti elettronici, ma include anche un sacco di strumenti acustici trattati. E' ritmica e melodica, molto cupa in alcune parti ed euforica in altre. Non sono bravo a descriverla in altro modo ma potete ascoltare qualcosa su www.myspace.com/jonhopkins...

Come fai a suonare una musica soprattutto elettronica in un concerto dal vivo?
Ci sono un sacco di nuovi strumenti e tecnologie che permettono di rendere la musica elettronica una cosa molto più "suonata", e di improvvisare e creare le idee dal vivo. Tra l'altro in questo tour suono vicino ad un maxischermo dove vengono proiettate immagini di pazze animazioni psichedeliche realizzate da questo genio, Vince Collins, che mi ha permesso di usarle come parte del mio spettacolo. Queste aggiungono un'ulteriore dimensione credo... questi palchi forse sono un po' difficili da riempire con una persona e qualche macchina.

Ti piace stare in tour?
Si. Non è qualcosa che ho fatto per molto tempo fino a quest'anno ma mi sta piacendo molto.

I Coldplay sono una band divertente con cui andare in tour?
Si. Ormai conosco la band da due anni, è bello stare in tour con loro. Dopo gli USA andrai con loro in tour anche in UK - ci sono dei concerti in particolare che non vedi l'ora di fare? I concerti alla o2 Arena di Londra - Davide Rossi salirà con me sul palco per suonare il violino.

Di solito rimani a vedere i concerti dei Coldplay? Che ne pensi?
E' stato bello vedere i concerti evolversi negli ultimi sei mesi, sono cambiati molto dal primo per amici e parenti allo spettacolo gigante a cui ho avuto modo di assistere ieri sera... sembra proprio che sia arrivato alla sua forma definitiva ora, se capite quello che intendo.

Infine, qual è la tua canzone preferita dei Coldplay?
Probabilmente Politik. Una canzone sublime ed epica.

Grazie Jon.
Prego.

Per maggiori informazioni su Jon Hopkins andate sul suo MySpace qui.

amsterdam

Ideatore e sviluppatore di Coldplayzone, Gabriele è un webdesigner milanese emigrato in Sicilia nel 2004 (per scelta di vita), il quale sente il desiderio di creare un 'posto' online [ zone ] da condividere con tutti gli appassionati di musica, in particolare quella dei Coldplay. Grande appassionato di musica inglese e di tutto ciò che si possa definire 'British'.