[NME.com] Possono i Coldplay reinventarsi come gelidi sperimentalisti elettronici?

E' successo. I Coldplay si sono tuffati nel gelido sperimentalismo elettronico che avevano a lungo minacciato di fare. Un nuovo brano "Midnight" - che si prospetta possa essere inserito nel loro sesto album in uscita, si rumora, entro la fine dell'anno – è apparso oggi online (25 febbraio), barattando il loro solito istrionismo da stadio per svolazzanti synth ed un cantato sottovoce. Il sussurro a fuoco/fuori fuoco come un respiro in una frizzante mattinata invernale, disegna una giusta comparazione con Bon Iver.

Il sospetto è che, se questo fosse stato il nuovo singolo di Justin Vernon, la rete non gli starebbe buttando merda addosso. Prodotto dal candidato al Mercury Prize Jon Hopkins, il sound della canzone è quello di una band da arene/palazzetti che ha fatto l’occhiolino ad un futuro più buio ed avventuroso e ha deciso di buttarcisi dentro con entrambi i piedi.
La band stessa ha rivelato di essere molto preoccupata circa l’impatto del pezzo; Chris Martin ha ammesso di temerne le conseguenze come disse anche in un’intervista rilasciata nel 2011 a proposito di Mylo Xyloto, un lavoro poco più che sperimentale prodotto da Brian Eno.
Ora, si sono finalmente liberati da quelle catene. Dove sarà il futuro dei Coldplay – se il suono di Midnight si estenderà a tutto il nuovo materiale e se il nuovo album proverà di essere un allontanamento per quelli che li categorizzano come merce sicura di BBC Radio 2 – non lo so. Ma per la prima volta, per quanto riguarda Chris Martin e soci, sono davvero curioso di scoprirlo.

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.

Informazioni aggiuntive

  • Fonte: http://www.nme.com/
  • Autore: Al Horner
  • Traduzione: Elena