[Barnes & Noble] Intervista a Chris Martin [Barnes & Noble] Intervista a Chris Martin

[Barnes & Noble] Intervista a Chris Martin - periodo AROBTTH

Data la notevole mancanza di petti nudi, i Coldplay non rientravano in nessuna lista dei “più probabili a raggiungere il disco di platino” quando fecero il loro debutto con Parachutes. Ma qualcosa nel sound della band di Londra - e nella passione - ha fatto vibrare la corda interna di molte persone, e i Coldplay si sono velocemente fatti strada dai club Americani fino ai teatri, arrivando poi alla nobile realtà delle arene con ascoltatori che volevano ascoltare e non semplicemente darsi testate a vicenda. Il sound furtivo e subdolo del quartetto, che si basa sullo strimpellamento di una chitarra acustica e l’introspettiva passione del frontman Chris Martin, hanno considerevolmente maturato nell’entusiasticamente anticipato seguito, A Rush of Blood to the Head. I risultati sono più profondi, un po’ più dark e, come suggerito dal titolo stesso, esilaranti. Martin ha dato l’opportunità a David Sprague di Barnes & Noble.com di dare una sbirciatina nella sua testa con questa intervista esclusiva.

Barnes & Noble.com: Il titolo dell’album fa venire in mente immagini diverse, allo stesso tempo positive e negative. Quale delle due intendevate?

Chris Martin: Oh, assolutamente quelle positive. Immagine positiva, ma un po’ dubbiosa, dato che è tutto collegato al fare le cose d’impulso e vivere il momento. L’ispirazione è arrivata dal personaggio intepretato da Robin Williams nel film L’attimo fuggente, la faccenda del carpe diem. Agire sotto l’effetto dell’adrenalina, non posticipare mai niente al domani.

B&N.com: E’ diventato più difficile tenere sotto controllo tutto questo sulla scia del vostro successo?

CM: In realtà non troppo. Io sono il re dell’iperanalisi, ma cerco di non far vincere questa parte di me. Mio nonno diceva sempre di vivere l’oggi, e devo ammettere che è un buon consiglio per qualsiasi persona.

B&N.com: A Rush of Blood to the Head ha una trama più spessa, ha più strati di Parachutes. Era questo il vostro intento nel realizzarlo?

CM: Il nostro intento era solo quello di fare un album appassionato e melodico. La ragione per cui può ‘suonare’ diverso - e sono d’accordo sul fatto che lo sia - è che in quel periodo ascoltavamo generi diversi e ci dedicavamo a cose diverse. Alcune canzoni sono ancora abbastanza semplici; altre richiedevano un altro approccio.

B&N.com: Secondo voi la musica è catartica? Se sì, cos’è più catartico, scrivere o esibirsi?

CM: Hmmm... [pausa] Amo scrivere musica, e amo suonare. Sono due cose stupende. Forse il modo migliore per decidere e chiedersi per quale delle due si starebbe più tristi se non si potesse fare. Direi che sarei veramente distrutto se non potessimo più scrivere. Adoro quando abbiamo una canzone nuova: è una sensazione meravigliosa che ti basta per tutto.

B&N.com: E’ un processo semplice o complicato per te scrivere una canzone?

CM: Le canzoni migliori sembrano arrivare da un posto che non capisco. Mi siedo a scrivere e passo ore e ore senza concludere nulla, poi mi siedo per oziare un po’ e mi arriva subito qualcosa. Ma forse se non fossi stato ad agonizzare per così tanto tempo all’inizio, l’ozio non avrebbe portato i suoi frutti.

B&N.com: "In My Place," una delle canzoni semplici, sembra avere molto delle tue esperienze personali.

CM: Si sicuramente ce l’ha. Non riesco a credere a dove mi trovo, le opportunità che mi sono state date. Noi nasciamo per fare quello a cui siamo stati destinati, è così e basta. Bisogna andare avanti con la propria vita e ottenere il meglio da essa. Mi è stata data una meravigliosa opportunità, e ne sono incredibilmente grato.

B&N.com: "Politik" sembra essere una delle canzoni più incalzanti che abbiate mai scritto. Qual è l’ispirazione che ci sta dietro?

CM: E’ nata da una sensazione di disperazione. L’abbiamo scritta subito dopo l’11 Settembre, quando tutti si sentivano colpevoli e arrabbiati e impauriti. Ci pensi e non riesci a credere che non ne fossi parte in qualche modo. Ti fa apprezzare di più la vita.

B&N.com: Credi che il tempo che avete trascorso in America prima dell’11 Settembre abbia contribuito all’impatto che ha avuto su di voi questo terribile evento?

CM: Sicuramente. A volte puoi diventare immune a quello che vedi nei telegiornali, e a volte queste notizie hanno un effetto maggiore quando riguardano un posto che conosci. Ho fatto un viaggio per pubblicizzare il Fair Trade… beh, appunto propaganda… ma è solo quando vai in un posto dove le persone sono davvero sfruttate che l’effetto è maggiore.

B&N.com: Però tendete ad evitare specifiche polemiche ideologiche nelle vostre canzoni.

CM: Non so… mi viene difficile analizzare le nostre canzoni. E’ come cercare di autosegnarsi gli errori in un esame scritto.

B&N.com: Di recente un giornale inglese ha riportato un vostro commento secondo cui vi sareste sciolti se non aveste pensato di poter fare un album migliore di questo. Questa sensazione è venuta fuori di recente o c’è sempre stata?

CM: Oh, anche dopo il nostro primo EP. Sarebbe come sminuire l’importanza delle persone se facessimo qualcosa di minor valore. Non vorrei pubblicare niente in questo mondo sfruttatore e ridicolmente ipercommercializzato se non ci avessimo messo il 155% di passione e di convinzione.

B&N.com: I Coldplay ha una base di fan molto zelanti. Cercate di prestarne attenzione da vicino o cercate invece di mantenere sempre il tutto a debita distanza?

CM: Ci interessiamo veramente a quello che pensano i nostri fan. Spesso commetto l’errore di andare a vedere quello che la gente scrive nel nostro sito. Ma se a volte può rivelarsi doloroso a volte, può anche diventare chiarificatore. Possiamo renderci conto di dove abbiamo fatto cazzate... e dove non le abbiamo fatte.

Tratta da: Barnes & Noble.com

Web: www.barnesandnoble.com

Data: 27 Agosto 2002

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.