Brian Eno: 'Senza di me i Coldplay erano stracotti'

Brian Eno, uno dei produttori del nuovo album dei Coldplay intitolato Viva La Vida Or Death And All His Friends, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Il Mattino. Fra le altre cose, ha citato anche la band di Chris Martin, la quale, per sua stessa ammissione, dopo il terzo disco era vicina al tracollo artistico:

'Nella musica di oggi c’è una sorta di sindrome da ProTools, strumento fantastico che ti permette di avere qualsiasi suono a disposizione. Possibilità eccezionale, che spesso produce disastri: è come dare a un cuoco mille spezie. Provandone una per volta o aggiungendone una all’altra finirà per sottovalutare gli ingredienti di base, la qualità del cibo. È successo con i Coldplay, ad esempio'.
In che senso? Rinnega il lavoro appena finito con Chris Martin & Co.?
'No, ma quando ho ascoltato il loro album precedente, X&Y, erano letteralmente stracotti. Allora li ho portati nella cucina di un ristorante italiano e ho mostrato loro l’enfasi data agli ingredienti, e alla loro miscela, senza bisogno di cuocerli così a lungo, rischiando di far perdere tutto il sapore'.

Leggi tutta l'intervista qui.

[Grazie a deran per la segnalazione]

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.