eventiinbus2017

[NME] Recensione: Coldplay, 'Paradise'

L'ultima canzone in ordine di uscita dal prossimo album 'Mylo Xyloto' - promette bene?

Forse significa qualcosa che l'ottimistica euforia dell'ultimo singolo dei Coldplay 'Every Tear Drop Is A Waterfall', sia stata più gradevole quando è stata coverizzata da Robyn. Il sentimento che la-musica-rende-tutto-migliore e i ritmi fosforescenti sembravano quasi forzati mentre uscivano dalla bocca di Chris Martin, mentre c'era serenità e convizione quando Ms Carlsson cantava gli stessi versi.



'Mylo Xyloto' eccheggierà sicuramente di sensibilità pop - Rihanna canterà in 'Princess Of China', quindi non è una sorpresa che il nuovo singolo 'Paradise' prenda il normale modello Coldplay e gli dia un restlying per renderlo più appetibile per le classifiche.


C'è il rimbalzante ritmo di batteria, la linea di basso vagamente dubstep e il "Para-para-paradise" del ritornello. Tutto questo viene suonato su una base dal suond new age; violini, il familiare e semplice riff al piano e, infine, un coro che intona degli "Woah-oh-oh-oh".

E' difficile dire a cosa mira la band con questa canzone. Replicare l'epico momento di rock da stadio di 'Yellow'? L'energia di una 'Viva La Vida'? Se è così non funziona in nessuno dei due casi.

'Paradise' sembra sia piuttosto apatica e confusa. I trattamenti "hip" del suono sembrano fuori moda (c'è un'atmosfera da metà anni novanta lungo tutta la canzone) e il ritornello sembra più una debole copia di quello che i Coldplay hanno fatto senza problemi in passato; nello specifico il sentimento che unisce le persone.

Se il restyling pop dei Coldplay è quasi rivelatorio - almeno per loro - , c'è la sensazione che le tendenze populistiche dei testi di Chris Martin siano state sforbiciate. In definitiva sembra più un passo indietro che in avanti.


Fonte: NME

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.