eventiinbus2017

[BlackDogFilms.com] Intervista a Ben Mor, regista del video di Hymn For The Weekend

‘Hymn For The Weekend’ è l’inno dei Coldplay, con la collaborazione di Beyoncé, dal loro ultimo album A Head Full of Dreams. Recentemente, Ben Mor ha lavorato con la rock band britannica per realizzare un video musicale caleidoscopico e cinematografico per il brano.

Girato in India, l’esperienza è un sogno diventato realtà per il direttore della Black Dog, che è stato profondamente ispirato dai colori e dal popolo indiano. L’effetto visivo è come una lettera d’amore – che esalta la cultura del paese, i vivaci colori e lo stile stravagante. 

Ci siamo seduti a chiacchierare con Ben per chiedergli come si lavora con una delle più grandi pop star del pianeta, dell’esperienza di girare e di come ha usato la sua straordinaria visione per rendere il surreale reale. 

Ben Mor1

Com’è stato collaborare con Chris Martin e i Coldplay? 

Collaborare con Chris e i ragazzi è stato un grande piacere. Quando capirono che avevo un’idea per il video mi hanno dato carta bianca e piena fiducia. L’intera squadra dei Coldplay sono davvero tra le persone più equilibrate che abbia mai incontrato. 

Che tipo di squadra hai portato con te in India per girare il video? 

Ho portato il cinematrografo ed anche un operatore di B Unit e il mio produttore. Tutto il resto erano persone del posto.

Come speravi che potesse sentirsi il pubblico che guarda il video?

‘Hymn For The Weekend’ è una canzone esuberante e celebrativa della vita e ho voluto che gli effetti esaltassero questo messaggio. Allo stesso tempo ho voluto stimolare l’immaginazione e la curiosità delle persone mentre osservano solo una piccola parte di ciò che l’India può offrire.

Ben Mor2

Hai detto che era il tuo sogno girare in India. Com’è stato avere finalmente avere l’opportunità di farlo? 

Se lavori nel campo dell’ “immagine”, non puoi che essere colpito dall’India. È difficile scattarvi una brutta foto. La quantità di stimoli sensoriali che percepisci in un luogo come Mumbai è semplicemente travolgente. Adesso che ho avuto il piacere di girarvi un video non posso che pensare di tornarci per farne altri! 

Hai inserito molti elementi surreali nel video. Ci puoi dire qualcosa sugli effetti che hai usato e cosa significano per te? 

Quando vivi l’India, il surreale  e la psichedelia ti vengono immediatamente in mente, almeno per quanto mi riguarda! Ho provato ad usare effetti speciali in modo che esaltassero quello che già vedevo. Stavo provando a rendere il surreale reale. 

Come hai incontrato e come hai ripreso il proiezionista e i bambini che giocano vicino all’acqua? 

Abbiamo trovato questo incredibile cinema degli anni 20 nel cuore di Mumbai. Il giorno delle riprese il ragazzo il cui compito era quello di accendere le luci è risultato essere proprio lo storico proiezionista di quel cinema. Ci disse che ci lavorava da 30 anni! Gli chiedemmo di dimostrarci come accendere un vecchio proiettore Arclight Projector e lo guardammo stupiti mentre lo faceva partire e montava la pellicola in pochissimi secondi.

Per i bambini, abbiamo girato una scena in un’ incredibile location chiamata Banganga Tank, una piscina enorme rettangolare circondata da gradini su tutti i lati. Mentre stavamo girando un’altra scena completamente diversa, questi bambini correvano ovunque e si buttavano in acqua. Abbandonammo l’altra scena e iniziammo a filmarli mentre si divertivano così tanto. 

Hai trasformato Beyoncé in un’ attrice di Bollywood per il video. Mentre riprendevi ti sembrava di catturare qualcosa di davvero straordinario?

Mi ero sentito con Beyoncé e la sua squadra per quanto riguarda l’atmosfera e la direzione che avevamo pensato per il video e quando sono entrato nel suo camerino prima delle riprese e ho visto gli incredibili costumi rimasi sbalordito. Sapevo che avevamo bisogno di solo due costumi ma lì ce n’era a sufficienza per 20 cambi d’abito diversi! Non c’è bisogno che dica che quando uscì dal camerino con l’abito prescelto ho immediatamente realizzato che stavamo riprendendo qualcosa di speciale. 

Infine, che aspettative hai sull’accoglienza del video a Mumbai e Delhi e i luoghi dove lo hai girato in India? 

Spero davvero che il nostro amore e rispetto per la cultura e la gente dell’India siano stati trasmessi forti e chiari dal video. E che si sentano orgogliosi di aver ispirato una delle più grandi pop star del pianeta.

Ben Mor3

Informazioni aggiuntive

  • Fonte: http://www.blackdogfilms.com/15043/interview-director-ben-mor-talks-coldplay-beyonce-and-the-making-of-hymn-for-the-weekend/
  • Autore: BlackDogFilms.com
  • Traduzione: Elena
Elena

Mi definisco "Appassionata per caso" dei Coldplay. Siamo nel 2003, compro AROBTTH in un negozio di CD usati, perchè mi piaceva In My Place. Da quel momento non mi hanno più abbandonato, grandi interpreti di parte della mia vita. Con grande piacere entro a far parte della formidabile squadra di Coldplayzone come traduttrice.

In My Place.