eventiinbus2017

[Messaggero Veneto] Coldplay, il mal di gola di Chris Martin

Il leader della band condizionato dal mal di gola Fuochi d’artificio e un mare di palloncini ma Chris si scusa: «Stasera non sto bene»

IL CONTRATTEMPO. Fuochi d’artificio che illuminano la notte; anche se qui – d’abitudine – esplodono a Ferragosto. Che importa, l’evento Coldplay ha dato il fumo anche alla tradizione. Ci stavano tutti per consegnare all’incanto il degno saluto. Dà l’idea, così a freddo, di essere stato uno show difficile da rimuovere. Intenso, caleidoscopico, fra schitarrate e un mare di palloncini colorati. Chris Martin ha dato il cuore pur non essendo in forma. L’abbiamo scoperto solo perché ce l’ha svelato alla fine: «Scusatemi, il mal di gola non mi ha permesso di essere al massimo». Non ce ne siamo accorti.

Quello della band britannica è stato quindi il fatto mediatico dell’anno, dalle nostre parti. Gli spazi della tribuna stampa non sono stati sufficienti a soddisfare tutte le richieste, perciò gli organizzatori hanno pensato di allargarla e dotarla di collegamento wireless.

E, assieme a loro, sono arrivati in Friuli soprattutto oltre 40 mila fans di cui, si stima, metà dall’Est europeo. Una parte ha saputo approfittare dell’offerta turistica che prevedeva il concerto gratis a fronte di un soggiorno nelle strutture ricettive della nostra regione. Per molti, meno accorti, trovare un posto letto a Udine e dintorni è stato praticamente impossibile. «Abbiamo dovuto dire di no a tantissime persone – racconta Edoardo Marini, il referente della Federalberghi – molte più di quelle che non eravamo riusciti a ospitare in occasione dei concerti di Madonna e Springsteen, dove comunque avevamo fatto registrare il tutto esaurito».

Parlando anche di curiosità gastronomiche, non sappiamo se i Coldplay abbiano avuto modo di assaggiare vini, grappe e specialità tipiche regionali, ma indubbiamente il pubblico e molti giornalisti sono rimasti incuriositi da una bancarella, che si distingueva tra le altre del merchandising. L’acronimo Fvg è stato trasformato – con rispetto e simpatia – in “Frico very good”. L’abbiamo letto nello stand di “Agne Elvia e Barbe Coccul” (zia Elvia e zio Coccolo), from Gemona, che hanno preventivato un quintale di prodotto a fine serata.

La band di Chris Martin conosce invece certamente la cucina italiana, se sono veri i rumors raccolti tra alcuni fan molto informati e nello stesso staff. È convinzione comune infatti che, per il nuovo corso della band, sia stato fondamentale il cambio del produttore. «Erano in crisi – afferma un ragazzo inglese, che si dice molto vicino a loro, ma che non può rivelarci il nome per ovvi motivi di riservatezza -. Anche i loro rapporti personali andavano a rotoli. Non si parlavano quasi più. Brian Eno ha riportato la carica, la vita, la pazzia, l’eccitazione. Viva la vida è stato per loro come incidere un secondo disco d’esordio».

La “leggenda” dice che Eno abbia aggiunto: «Le prime registrazioni del disco erano troppo piene di suoni. Così ho portato i musicisti in un ristorante italiano e ho mostrato loro le cucine. Nelle ricette italiane niente cuoce troppo a lungo sulla fiamma. Viene data invece molta enfasi agli ingredienti. Ho voluto che la loro musica fosse come la cucina italiana e i ragazzi l’hanno capito benissimo». (a.z.)

Fonte: Messaggero Veneto

 

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.