eventiinbus2017

Mr. Zone #1

Dopo la partecipazione a eventi a scopo benefico dello scorso Natale, i Coldplay tornano dal vivo per un lungo tour che li porterà in tutti i 5 continenti per i più importanti festival del mondo. Uno dei più autorevoli è sicuramente quello di Glastonbury che si terrà il 25 giugno, come ogni anno al Worhty Farm di Pilton. I Coldplay hanno partecipato a ben 3 edizioni di questo festival (2000, 2002, 2005), ma quest'anno sembra essere ancora più particolare poichè il live della band sarà trasmesso in diretta nei cinema a livello mondiale, anche in Italia. Coldplayzone darà imminente notizia dei cinema disponibili. (UPDATE: A quanto sembra, per volere della band, tutta l'operazione è saltata).

Per la prima volta nella loro carriera, i Coldplay saranno headliner il 9 giugno all’Heineken Jammin’ Festival di Mestre, che vedrà protagonisti anche Elbow, Interpol, Beady Eye (la nuova band di Liam Gallagher), Vasco Rossi, Negramaro, Fabri Fibra e molti altri.

A differenza di altri festival internazionali estivi, i cui cartelli propongono il meglio del rock mondiale ed emergente, l’HJF ha smentito gli anni passati. A giudicare dal programma, pare si sia voluto investire su pochi artisti in grado di spostare grandi masse. Un’ulteriore dimostrazione di come i Coldplay in Italia siano considerati un fenomeno pop.

Ma il punto interessante è un altro: cosa ci dobbiamo aspettare da questi festival? I Coldplay suoneranno inediti?
La risposta è sì. A conferma di ciò, martedì sera i Coldplay si sono esibiti al The Forum di Londra, per le consuete prove generali, prima della partenza per un tour, rivolto a 150 persone tra amici e parenti. Ebbene, i nuovi brani eseguiti sono stati ben 7. Ciò non significa che saranno suonate tutte ai festival.
Infatti considerando che l'album uscirà verso ottobre, la domanda sorge spontanea: come spiegare il consistente lasso di tempo tra l'uscita live di questi inediti e il quinto album? Non c'è il rischio che i Coldplay facciano uscire una cosa già sentita? Di conseguenza si nutrono seri dubbi sul fatto che il singolo in uscita possa far parte dell'album. Credo che il tempo ci riserverà altre sorprese.

In contrapposizione, voglio far notare che dal Twisted Logic Tour i Coldplay non amano più anticipare parte del nuovo lavoro. Ciò perchè le nuove strategie discografiche, dettate in parte dalla caduta verticale delle vendite, e lo sviluppo della condivisione virtuale, hanno portato a invertire la tendenza, e ora gli artisti evitano di inserire nuovi pezzi nelle setlist, impauriti dalle possibili registrazioni abusive facilmente divulgabili e reperibili sul web. D'altronde non si può nemmeno credere che i Coldplay ripropongano il set di pezzi del tour passato. Per cui molto probabilmente, oltre agli inediti, verrà ripescata qualche vecchia hit, con tanta soddisfazione dei nostalgici.
Nel Viva La Vida Tour, anche se poche, le eccezioni ci sono state: The Dubliners, Don Quixote (conosciuta anche come Spanish Rain), Wedding Bells.

The Dubliners, che rievoca uno spirito western, è uscita durante la prima tornata di concerti nel Nordamerica. Don Quixote è stata presentata l’anno scorso in Sudamerica in versione acustica, e si pensava fosse l’anticipazione del quinto album che all’epoca era stato promesso per Dicembre 2010. Ma misteriosamente i tempi si sono allungati e il brano in questione è passato da antipasto a improbabile b-sides. Wedding Bells risale al 2009 e lo stesso Chris Martin ne diede un assaggio durante il South Bank Show di settembre. Viene attualmente riproposta nelle occasioni meno convenzionali, da una convention della Apple a una jam session improvvisata con Simon Pegg in un pub di Londra.

Come di consueto, la fase di lavorazione di un nuovo album è piena di conferme, speculazioni e smentite.
Già durante il South Bank Show del 20 settembre 2009 furono resi noti alcuni titoli su cui la band stava lavorando, tra cui l’allora denominata Spanish Rain, Wedding Bells e Christmas Lights. A dicembre dello stesso anno il famoso quotidiano inglese The Sun pubblicò un articolo in cui si affermava che i Coldplay stessero registrando un album acustico e che avessero preso spunto dalle sonorità create all’interno di una chiesa. Inoltre si leggeva che i nuovi pezzi sarebbero stati testati durante il tour sudamericano del 2010 con la previsione di far uscire l’album alla fine del medesimo anno. Tali indicazioni (in particolare il periodo di uscita dell’album) vennero confermate in ordine cronologico da Brian Eno, Chris Martin, Guy Berryman e Will Champion. Ma le setlist in Sudamerica non cambiarono, con la sola eccezione dell’introduzione di Don Quixote. Quindi il lavoro continuò. Infatti Chris Martin, appena tornato dal tour, rientrò in studio mentre gli altri si concessero un periodo di riposo.

E qui c’è un buco temporale di ben 6 mesi prima che si torni a parlare del nuovo album. A settembre 2010 Chris ammette che non si riuscirà a finire l’album entro l’anno. Cosa sia successo tra marzo e settembre fa parte di quei misteri dietro cui gli artisti, impegnati in una nuova lavorazione, amano trincerarsi.
La stessa cosa successe durante le registrazioni di X&Y. Lavoro pronto per la fine del 2004, album uscito a giugno 2005. Ma le motivazioni quella volta pare riguardassero un’ eccessiva pressione della EMI che indusse la band a modificare i piani.

A novembre 2010 escono alcuni titoli: Hurts Like Heaven’, Every Teardrop Is A Waterfall (il singolo in uscita oggi), Up With The Birds (forse in duetto). Da alcune indiscrezioni, trapela che il disco conterrà 15 tracce. Ecco cosa aggiunge Chris Martin «La storia di fondo vive dei punti di vista di due persone che si sentono perse, due perfetti sconosciuti che si incontrano per caso in un contesto davvero difficile e così intraprendono un viaggio insieme. E' un vero e proprio concept album, ma sarà al tempo stesso molto intimo e personale sebbene abbia una rigida struttura»

La cronologia degli eventi aiuta sia chi scrive sia chi legge a delimitare gli eventi stessi. Infatti più passa il tempo e più arrivano le prime conferme sul nuovo album:
1) uscirà nell’autunno del 2011 (ottobre??), come annunciato dal presidente della Parlophone Miles Leonard, e c'è già una data precisa ma non ancora annunciata
2) ha appena passato la fase di mixaggio, quindi la fase di registrazione può definirsi conclusa
3) ha un nome, ancora tenuto segreto
4) è stato registrato tra la Bakery e la Beehive di Londra
5) i produttori sono Brian Eno, Markus Dravs e Rik Simpson
6) non sarà l’ultimo con la EMI, con cui è stato rinnovato il contratto discografico.

Dal punto di vista sonoro, l'Oracolo ha smentito una deriva elettronica stile Kid A dei Radiohead.

Infine, come suggeritoci dagli ultimi pseudo-indizi video, arriva il nuovo singolo: Every Teardrop Is A Waterfall. Il brano, secondo gli addetti ai lavori, ricalca le sonorità di Viva La Vida e Lovers In Japan. Più preoccupanti sembrano le parole del The Sun che associa al pezzo gli Swedish House Mafia (cercate pure su Youtube). Il singolo sarà ascoltabile dalle ore 13 dal sito ufficiale coldplay.com.  Non si preoccupino gli amanti del collezionismo perchè il singolo sarà disponibile fisicamente alla fine del mese quantomeno nella versione promo.

Seguiteci perchè forniremo tutte le notizie, le setlist e il materiale audio-video del tour.
A presto.
amsterdam

Ideatore e sviluppatore di Coldplayzone, Gabriele è un webdesigner milanese emigrato in Sicilia nel 2004 (per scelta di vita), il quale sente il desiderio di creare un 'posto' online [ zone ] da condividere con tutti gli appassionati di musica, in particolare quella dei Coldplay. Grande appassionato di musica inglese e di tutto ciò che si possa definire 'British'.