eventiinbus2017

Halftime show del Super Bowl: parla il regista della performance dei Coldplay

A due giorni dalla tanto attesa performance dei Coldplay all'Halftime show del Super Bowl - lo show musicale più seguito di sempre - Forbes intervista il regista Hamish Hamilton, deus ex machina di molte passate edizioni.

Com'è lavorare con i Coldplay?

"Lavoro con la band da molti anni, e devo dire che per me sono ancora una sorpresa", dice Hamilton, che sottolinea come quest'anno lo show sia uno dei pochi che verrà realizzato di giorno, e di come quindi la band sia stata messa di fronte a molte opportunità ma anche a tante nuove sfide.

Hamilton spiega anche come lavorare con gli artisti sia sempre un'esperienza unica, proprio perché ognuno è diverso dagli altri. "Penso che la performance dei Coldplay sarà in qualche modo più grandiosa, più inclusiva. Ci saranno molte persone coinvolte nella performance e molti molti colori".

Per la prima volta da anni ci sarà infatti sul palco una band, e non un solista. "Ogni Super Bowl è diverso, un'esperienza unica e irripetibile, proprio perché ogni artista lo è. Ogni anno è un complesso meccanismo logistico e organizzativo".

Da quando avete iniziato il brainstorming per lo show?

"Si inizia a pensare allo show dell'anno dopo non appena è finito quello dell'anno in corso. E' un processo a più livelli che dura circa un anno. Quest'anno in particolare perché, come dicevo, si sono aggiunti degli aspetti logistici e pratici dovuti al fatto che la performance si tenesse di giorno".

Tutto comunque inizia una volta che l'artista è stato scelto e ha detto sì, spiega Hamilton, che ricorda anche il suo primo Super Bowl, con i The Who, come quello che porta nel cuore. Ma anche quelli con Madonna e Beyonce avvolta dalle fiamme.

C'è qualcun altro che vorresti vedere sul palco in futuro?

"Dal punto di vista personale vorrei avere i Led Zeppelin, la loro musica ha accompagnato tutta la mia vita. E poi spesso fantastico su quanto sarebbe stato grandioso un Super Bowl con i Beatles".

Qual è la parte più difficile di tutto il processo di preparazione?

"Credo lo stress e l'aspettativa. Tutti si aspettano il massimo dal Super Bowl e non c'è margine di errore", spiega Hamilton. In effetti la macchina organizzativa è molto complessa e soprattutto si è sotto la lente di ingrandimento di mezza America e del pubblico di tutto il mondo. Ma Hamilton è abituato a lavorare per grandi eventi, come ad esempio gli Oscar.

"Ma il Super Bowl è diverso. Nell'ambiente viene definito come il più grande, più bello e più sfidante evento che si possa realizzare. 120 milioni di persone circa lo guardano in tv. E' una sorta di maratona piena di adrenalina per noi che ci lavoriamo e niente può esservi paragonato".

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.