eventiinbus2017

In arrivo un documentario sui Coldplay diretto da Mat Whitecross

Sarà il super regista Mat Whitecross a firmare il primo vero documentario interamente dedicato alla band.

La notizia è di poco fa: il regista che ha già diretto i video dei Coldplay Christmas Lights (2010), Paradise (2011), Charlie Brown (2012), A Sky Full of Stars (2014) e Adventure Of A Lifetime (2015), tornerà a guidare la band ma stavolta in un progetto più ampio.

Secondo il sito List, Whitecross avrebbe raggiunto la band durante il loro attuale tour mondiale per riprenderli in azione, in quanto dopo "Supersonic" (il suo documentario sugli Oasis appena uscito) vorrebbe realizzare un film proprio su Chris e compagni in occasione dei 20 anni della band.

Parlando con la testata BANG Showbiz in occasione della presentazione di "Supersonic" Whitecross ha dichiarato:

"Sto lavorando con i Coldplay al momento, sono in tour con loro per filmare live lo show. Non abbiamo ancora ben chiaro cosa stiamo realizzando, li conosco da prima che divenissero una band di fama mondiale. Fortunatamente hanno la possibilità di non decidere già da adesso cosa andremo a creare, perché sono dei grandi e lo creeremo insieme. Sta a loro: quest'anno festeggiano venti anni da quando hanno formato la band, è una tappa importante per guardarsi indietro e fare un punto."

Whitecross ha anche ammesso che "Supersonic" sia stato pensato con l'intento di demolire alcuni preconcetti sul rock e che allo stesso modo un documentario sui Coldplay potrebbe far cambiare idea a coloro che ritengono che Chris Martin sia "noioso".

"Per qualche ragione le persone credono che lui sia noioso - dice Whitecross - ma in realtà è una delle persone più interessanti ed eccentriche che possa capitarti di incontrare".

Staremo a vedere cosa ne verrà fuori!

 

Benedetta

Anima vagante, in senso fisico e metaforico, nella vita mi innamoro di molte cose ogni giorno e non faccio niente se non mi appassiona. Nel 2002 la voce di un ragazzo con gli occhi blu in un video musicale su MTV mi fa pensare che forse, fino a quel momento, non avevo mai ascoltato musica in vita mia. Era Chris Martin che cantava "In My Place", erano i Coldplay. Tutto è iniziato così e dopo sono venute canzoni che ti rimescolano l’anima, concerti che sono diventati pezzi di cuore, dischi che conservo come reliquie, frasi scritte da portare sempre con sé. E adesso Coldplayzone, per me il coronamento di una passione che va avanti da anni e che mi piace condividere con chiunque voglia. A proposito: “Oh, what good is it to live with nothing left to give, forget but not forgive, not loving all you see” di “Swallowed in the sea” è una di quelle, una delle frasi che porto sempre con me.