eventiinbus2017

Davide Rossi: l'italiano dei Coldplay racconta via Instagram i "lavori in corso" per il nuovo album

Superata la fase embroniale, dei rumors e delle voci, si può dire che ad oggi "A Head Full Of Dreams", quello che sarà LP7 dei Coldplay, è ormai qualcosa di più di un semplice progetto, come ci racconta attraverso le immagini Davide Rossi, violinista e stretto collaboratore dei Coldplay da anni.

Su Instragram infatti, dal suo account @Daviderossistrings, Davide ci regala alcuni scatti legati alla fase di lavorazione degli archi di "A Head Full of Dreams".

La prima foto è di qualche giorno fa, il 19 aprile, quando pubblica una vista bucolica con vegetazione e mare ed un commento "My studio view these days, while cutting strings and horns for my friends... @Coldplay #Coldplay #daviderossistrings" (La mia vista dallo studio in questi giorni, mentre taglio archi e corni per i miei amici... @Coldplay).

Poi Davide trascorre alcuni giorni al Coachella Festival, in California, solo come spettatore, tra performance di David Guetta e dei Goldfrapp, di cui è amico stretto e collaboratore. Fino a quando 19 ore fa torna a casa, in studio, sempre a lavoro per i Coldplay.

La foto ritrae due violini, con il commento: "Never underestimate a home studio... It can do miracles. Yesterday great horn day and big ups from the other side of the pond! #strings #Coldplay #homerecording" (Mai sottovalutare uno studio a casa... può fare miracoli. Ieri una grande giornata di corni e congratulazioni dall'altra parte dell'oceano!). La frase potrebbe lasciare ad intendere che i Coldplay stiano apprezzando molto il lavoro di Davide.

E' poi di 13 ore fa invece la foto in cui Davide cita il suo amico, musicista e produttore discografico, Garret Lee, noto come Jacknife Lee: "Spent the morning with friend producer #jacknifelee (#REM/@taylorswift/#SaintRaymond/@kodaline and many many more...), talking recording techniques, sounds and projects I'm gonna do strings for. #strings #musicproduction". (Ho tracorso la mattina con il mio amico produttore #jacknifelee, parlando di teniche di registrazione, sounds e progetti a cui sto lavorando per gli archi).

Tra "i progetti" a cui Davide fa riferimento c'è sicuramente il settimo album dei Coldplay. Che Jacknife Lee - storico collaboratore dei REM e degli Snow Patrol tra gli altri - sia coinvolto nel nuovo lavoro della band?

Infine le ultime immagini di Davide lo ritraggono nello studio di Dhani Harrison, cantante e autore britannico figlio dell'ex Beatle George Harrison, a lavoro per i Thenewno2, una rock band alternativa di Londra. Nella foto più recente però, insieme a Harrison, compare anche Paul Hicks, musicista e mixer della band, che in passato ha lavorato anche con i Coldplay.

Insomma: un insieme di bellissime contaminazioni per il nuovo album, che speriamo il nostro Davide continui a mostrarci via Instragram!

Benedetta

Anima vagante, in senso fisico e metaforico, nella vita mi innamoro di molte cose ogni giorno e non faccio niente se non mi appassiona. Nel 2002 la voce di un ragazzo con gli occhi blu in un video musicale su MTV mi fa pensare che forse, fino a quel momento, non avevo mai ascoltato musica in vita mia. Era Chris Martin che cantava "In My Place", erano i Coldplay. Tutto è iniziato così e dopo sono venute canzoni che ti rimescolano l’anima, concerti che sono diventati pezzi di cuore, dischi che conservo come reliquie, frasi scritte da portare sempre con sé. E adesso Coldplayzone, per me il coronamento di una passione che va avanti da anni e che mi piace condividere con chiunque voglia. A proposito: “Oh, what good is it to live with nothing left to give, forget but not forgive, not loving all you see” di “Swallowed in the sea” è una di quelle, una delle frasi che porto sempre con me.