eventiinbus2017

Band Aid: torna il supergruppo. Chris Martin tra i cantanti di "Do they Know It's Christmas"

Si preannuncia un periodo prenatalizio pieno zeppo di impegni per i Coldplay e per il cantante Chris Martin, con alcuni interessanti progetti che si stanno delineando all'orizzonte. E' di oggi, infatti, la notizia che Chris farà parte del supergruppo Band Aid che, questo Natale, reinterpreterà "Do They Know It's Christmas" per beneficenza.

No bastava il cd+dvd Ghost Stories Live 2014, in uscita il 24 novembre. E non bastavano neanche l'uscita di un nuovo brano (Miracles, che sarà rilasciato il 15 dicembre), e due esibizioni, il 6 dicembre a Monaco e l'11 dicembre a Londra in occasione dei BBC Awards.

E' di oggi infatti la notizia che Chris Martin farà parte del supergruppo Band Aid che inciderà una versione remastered del singolo natalizio "Do They Know It's Christmas", che servirà a raccogliere fondi contro l'epidemia di Ebola in alcuni stati africani. Band Aid è un gruppo composto da numerosi artisti britannici e irlandesi, creato per scopi benefici nel 1984 da Bob Geldof e Midge Ure con l'obiettivo di raccogliere fondi per combattere la piaga della fame in Etiopia, attraverso la pubblicazione del singolo Do They Know It's Christmas?. Il singolo superò le aspettative dei produttori divenendo il più venduto del Natale 1984. Successivamente venne nuovamente registrato raggiungendo comunque la vetta delle classifiche.Il supergruppo Band Aid si è riunito in tre diverse occasioni, annoverando ogni volta il meglio del pop britannico e irlandese, per registrare sempre la stessa canzone natalizia. Midge Ure disse una volta: "Ogni generazione dovrebbe averne una propria versione."Ed ecco che arriva la nuova versione, che prevederà la partecipazione di artisti come Bono Vox, Adele, gli One Direction e il nostro Chris Martin. Geldof ha chiesto a David Bowie di fare un'introduzione al singolo e all'artista Tracey Emin di curarne gli aspetti grafici. "Band Aid 30", così si chiama l'iniziativa, si potrà scaricare da lunedì 17 novembre.

Benedetta

Anima vagante, in senso fisico e metaforico, nella vita mi innamoro di molte cose ogni giorno e non faccio niente se non mi appassiona. Nel 2002 la voce di un ragazzo con gli occhi blu in un video musicale su MTV mi fa pensare che forse, fino a quel momento, non avevo mai ascoltato musica in vita mia. Era Chris Martin che cantava "In My Place", erano i Coldplay. Tutto è iniziato così e dopo sono venute canzoni che ti rimescolano l’anima, concerti che sono diventati pezzi di cuore, dischi che conservo come reliquie, frasi scritte da portare sempre con sé. E adesso Coldplayzone, per me il coronamento di una passione che va avanti da anni e che mi piace condividere con chiunque voglia. A proposito: “Oh, what good is it to live with nothing left to give, forget but not forgive, not loving all you see” di “Swallowed in the sea” è una di quelle, una delle frasi che porto sempre con me.