Loading…
  • Roadie#42
eventiinbus2017

Roadie #42 - Blog #72

Il tempo è solare, e lo è anche #42

Il sole che splende. La medicina fornita da dio...

All'improvviso il mondo sembra un posto diverso. Cosa per niente sorprendente, suppongo, data la distanza che abbia percorso. Sono sicuro che siamo stati in qualche posto soleggiato l'estate scorsa, ma non riesco assolutamente a ricordarmelo. Sono sicuro che stavamo correndo avanti e indietro cercando di capire come far funzionare il concerto. Avere una seconda opportunità di estate è un bel regalo davvero. Anche solo vedere la luce attraverso la finestra dell'ufficio della produzione e sentire la calda brezza cambia il mio umore fuori misura. Ho il sospetto che passeremo delle belle settimane.

Mi ricordo questo posto. Si chiama Dome, anche se sembra più una grande larva vista in lontananza. Il suo bianco tetto larvesco è come un grande materasso gonfiabile tenuto in piedi solo grazie alla pressione dell'aria all'interno. Sono sicuro dell'esistenza di altri edifici al mondo come questo, ma non sono mai stato in nessuno di questi. Il lato negativo di questo particolare sistema strutturale è che aprire due porte in contemporanea in questo edificio tenuto in piedi dalla pressione dell'aria significa cercare guai. Andare in giro per il backstage significa avere a che fare con camere di equilibrio (non me lo sto inventando), per evitare che sfortunati roadie siano risucchiati fuori come Dorothy nel Mago di Oz (una cosa che ovviamente sarebbe perfetta data la location). Anche solo lasciare una porta socchiusa quando se ne apre un'altra può lasciarti permanentemente mutilato o comunque senza una o due dita.

blog72_01

Sembra evidente che lo staff locale sia stato alla mercè di questo sistema insensato per molti anni, eppure ci cascano ancora. Si può capire da quanto una persona lavori qui dal grado di ferite che ha sostenuto. Colui che lavora qui da più tempo è un Bruce "Stumpy" Smith. Non è mancanto un giorno in 14 anni. Ma sembra che abbia qualche problema a tenere addosso l'orologio...

Proprio prima che il sole tramonti completamente decido di uscire - solo per godermelo un po'. Mi imbatto in Phil mentre vado (anche se è chiaro che ne abbia già preso un bel po'...), poi mi dirigo verso la parte frontale dell'edificio mentre il sole tramonta e fa risplendere gli ultimi raggi sulla folla che entra. Ci sono suoni di risate e un misto di crema da sole, profumo e birra. Dopo poco ti dimentichi cosa significhi andare a un concerto da spettatore e stare in mezzo alla gente là davanti ha dato una prospettiva completamente diversa alla giornata.

Entro di nuovo attraverso i tornelli e vedo i Mercury Rev finire il loro set. Sono da sogno, maestosi e una scelta eccezionalmente ottima.

Farei meglio ad andare lettori, mi sento quasi vivace...

Vi lascio con il ritratto di una coppia di amici in preda al jetlag.

blog72_02

Roadie #42