Loading…
  • Roadie#42

The cookies of this script are not enabled.
You should accept the cookies policy by clicking the button in the cookies notification bar to enable this script and its cookies.

Roadie #42 - Blog #63

#42 e i concerti del ritorno a casa a Londra

Mi accorgo che nel tour di X&Y ci furono tre "Grandi Concerti a Londra" il 14, 15 e 16 Dicembre. Dopo tre anni, un album e un EP, eccoci con "Grandi Concerti a Londra" negli stessi precisi giorni. I concerti nella propria città in periodo natalizio hanno il loro significato. Dato che dovrebbe essere il periodo per ricongiungersi alla propria famiglia e amici e festeggiare, che altro miglior modo potrebbe esserci?

blog63_01

Questa sensazione va oltre il semplice fatto che la maggior parte delle persone che lavorano al tour hanno casa qui a Londra. E' il concerto stesso ad avere una sensazione famigliare in tutto e per tutto. Gli artisti che hanno aperto gli spettacoli in tutte e tre le sere hanno una profonda amicizia e storia con la band da molto tempo. Con famiglie e amici presenti arriva anche un'apparizione speciale di Mr Simon Pegg. E' sicuramente un personaggio famoso, ma quando si vede la band sorridere da orecchio a orecchio e ridere nel momento in cui inizia a suonare l'armonica sul C-Stage, si capisce che è qui perchè è loro amico.

Il suo contributo durante la prima sera è importante, anche se è chiaro il fatto che si è reso perfettamente conto di stare in piedi sotto i riflettori davanti a 18,000 persone. La seconda sera è super esaltato e pare si stia divertendo tantissimo. Arrivati alla terza sera si è impossessato del suo ruolo. Gran persona.

blog63_02

Con i concerti nella propria città arriva anche il totale collasso dovuto alla lista degli ospiti. Vengo avvertito  da fonti sicure che il secondo in cui il box office si è chiuso dopo la terza sera, la lista degli ospiti aveva superato i milleduecento in tutto. Sono abbastanza persone in grado di riempire un teatro di una certa dimensione. Se si tiene conto che un quarto di queste persone avrà sicuramente avuto i numeri di telefono di Vicki e EJ, le assitenti personali della band, o di Marguerite in produzione, potreste facilmente immaginare come molte telefonate iniziassero con "Volevo soltanto verificare che...".

Potete scommettere che i loro telefoni saranno assolutamente spenti durante i giorni precedenti la data di Belfast! (se non si sono sciolti prima). La lista degli ospiti varia da amici di vecchia data e celebrità di serie A a Mr Paul McGuinness (conosciuto anche come il "Manager degli U2") a mia mamma e papà. Sono abbastanza sicuro che mamma e papà #42 si siano divertiti e forse potrei averli finalmente convinti che ho un lavoro vero....

Ovviamente, l'ultimo pezzo del puzzle è il pubblico. Posso dire senza esitazione che se siete stati presenti potete essere orgogliosi di voi stessi. Londra può essere un posto difficile in cui suonare per qualsiasi band, ma è stata una vera festa e questo è dovuto al 100% all'energia che si sente sul palco quando 18,000 persone impazziscono. Ottimo lavoro ragazzi!

blog63_03

Roadie #42